Si la vita è tutt’un quiz

e noi giochiamo
e rigiocchiamo
perche' noi non ci arrendiamo
fino a quando non vinciamo

Cosi' cantava Renzo Arbore assieme al Bravo Presentatore Nino Frassica in Indietro tutta!, trasmissione cult del finire degli anni ottanta.
Ma, e se la vita fosse un MMO?
Decisamente un articolo molto interessante quello pubblicato da GameShadow.
Fa riflettere, e molto, su quanto siamo labili certi confini tra il reale e l'immaginario, tra il quotidiano e il virtuale.
E se, alla fin fine, noi non fossimo altro che "personaggi" mossi da giocatori? Dopotutto in molte religioni; cristiane o meno, monoteistiche o politeistiche; tra l'annientamento della persona come entita' singola, la mancanza di libero arbitrio, la predestinazione luterana ed altro non sono nulla se non concepimenti filosofici o teologici tesi ad indicare che la vita, in fondo, e' un gioco in cui si puo' vincere o si puo' perdere.
Chissa', in tutto questo, dove si collocano e chi sono i bimbominkia?

One comment

  1. johninfante · aprile 24, 2008

    Consentimelo: Minchia sei uno spasso!

Comments are closed.