(Ap)prezzando

Nel mentre faccio un paragone mentale tra le zone dell’Impero e quelle della Lega su come si sviluppa l’ordinamento delle quest sul territorio (logica e ordinata la seconda, caotica e assurda la prima), ecco che appare una notizia: Final Fantasy XIV, per PC, esce il 22 settembre, mentre la versione PS3 e’ stata posticipata all’anno prossimo (almeno fino a marzo).
Ci sara’ un’edizione per collezionisti che costerà’ sui 75 euro/dollari ma conterrà un bordovalle di roba. Per lo più inutile (un token hardware usb, un accesso anticipato di ben 10 giorni, una mappa di Eorzea in pelle di castoro, un dvd con il Dietro le quinte, un sottobicchiere… ma il dvd a cosa serve se non a fare da sottobicchiere???, un codice da girare ad un amico affinché provi il gioco e basta. Ma nemmeno… vabbé, niente cattiverie, vah. Pero’ la scatola e’ figa e sbrilluccicosa:

final-fantasy-xiv-collectors-edition

L’abbonamento costerà $/€ 12,99, mentre per ogni personaggio aggiuntivo si dovrà pagare altri 3 dollari/euro/talleri. Ok, anche in FFXI si pagava un di più per ogni char, ma e’ anche vero che non c’era nessuna restrizione di classe giocabile con quel personaggio. Mi auguro che anche in Eorzea sia possibile provare tutte le classi (normali ed eventuali avanzate) con lo stesso personaggio!
La fase di beta parte a giorni.