Crea sito
, edited:

The game is over

La open beta di Rift è terminata oggi.
Qui vorrei analizzare i plus e minus del gioco Trion World, fermo restando che le mie esperienze sono state fatte in beta, pertanto potranno sopraggiungere dei cambiamenti.
Già durante la open beta ho assistito all’incertezza degli sviluppatori su alcune classi: nel mio caso si e’ trattato di sviluppi dell’archetipo warrior. Inizialmente, appena loggato, mi sono trovato il soul tree (l’albero delle skill) completamente azzerato. Poi, ma potrebbe essere un’impressione non del tutto veritiera (ma, comunque, “confermata” da alcuni topic sul forum del gioco), mi e’ sembrato che l’avvessero nerfato (indebolito).
E’ vero che, prima, il mio guerriero era forse troppo forte (reggevo tranquillamente tre mob, e dello stesso livello, contemporaneamente: non male per un guerriero votato al danno e non alla protezione con lo scudo), ma rimane, comunque, un “template” apprezzabile. Ma la parte realmente ROTFL del caso e’ che, visto che in diversi hanno protestato sul forum della classe, poi hanno ripotenziato parzialmente il tutto. Ehi, ciccini belli, decidetevi. Il problema non e’ dato dai cambiamenti durante le beta (solo durante la open), ma il fatto che questi possano avvenire a gioco in corso. Il bilanciamento delle classi e’ sempre l’aspetto più delicato in un MMO, e se a pochi giorni dall’apertura dei server hanno ancora le idee confuse, o seguono l’onda delle richieste “popolari”, allora non ci siamo. Stando al forum il “nuker” (la classe che fa più danno) per eccellenza e’ Ranger/Marksman. Quella più difficile da tirar giu’? Justicar (classe “buffer” dell’archetipo “chierico”).
Il gioco e’ fatto per avere e reggere una struttura PvE based ma, a mio avviso, con pochi cambiamenti può divenire un buon gioco anche in campo PvP. Che cosa gli manca? O dei server PvP OpenWorld (ovvero dove i giocatori delle de fazioni possono, in determinate aree della mappa, venire a contatto e suonarsele di santa ragione: molto adrenalitico. E stressante) oppure una mega area istanziata dove menarsi tutti in allegria, in perfetto FvF (perche’ non puo’ esser RvR) style.
Per ora i Warfront (che sono presenti anche nei server PvE, sgroan…. a questo punto non capisco la differenza tra server PvE e PvP) hanno una struttura che ricorda molto da vicino i Battleground di World of Warcraft. Spero che, su questo punto, i Trion si sforzino di andare oltre le logiche che Blizzard ha imposto (ma quando mai?) al mercato dei MMO.
Da un punto di vista PvE e’ praticamente perfetto: ci sono tantissime quest da fare in solo e, ma molto meno, altre da fare in gruppo. Poi ogni area ha un suo dungeon, nel quale si riescono a prendere oggettini niente affatto male.
Altra componente importante del gioco, forse quella che lo caratterizza dagli altri, sono i Rift. Questi sono degli “eventi dinamici” che avvengono randomicamente nelle varie zone che compongono il mondo di gioco. E sono dannatamente importanti, si deve passare molto tempo facendoli quasi in maniera ossessiva. Le ragioni del farming dei Rift sono principalmente due:
1) danno dei premi: alcuni servono in fase di crafting, altri vanno scambiati con dei vendor piazzati nelle “capitali” delle mappe per comprare pezzi di armatura (di tre diversi tipi: verde, blu e viola. C’e’ anche quella base, di colore bianco)
2) danno esperienza, e ci si diverte parecchio.
Sono da fare in raid o gruppo full (in ogni caso si crea un gruppo pubblico, ovvero aperto a chi vuol partecipare)
Altri eventi dinamici sono le “invasioni“, che sono (su server PvP, non so su quelli PvE) di due tipi:
1) Rift invasion: pattuglie di mob rilasciate dai Rift.
2) Other Faction invasion: pattuglie formate da NPC dell’altra fazione.
Di Invasioni da Rift non ho ricordi particolari, ma nel secondo caso si possono avere, con un po’ di fortuna, degli interessanti pezzi d’armatura blu. Le invasioni sono composte o da mob normali o Elite. In ogni caso e’ consigliabile non affrontarle da soli.
La community e’ composta da ogni genere di giocatori: si va da quelli che, anche se di livello superiore, non ti aiutano neppure sotto costrizione; a quelli che farebbero tutto con altri giocatori. Anche pescare (purtroppo non si può, per ora).
Da un punto di vista grafico il gioco e’ impressionante, con un motore leggero, potente ed incredibilmente scalabile.
Da un punto di vista audio l’aspetto e’ duplice: musicalmente nulla di che, la solita colonna da MMO; da un punto di vista tecnico, invece, siamo su livelli eccelsi.
Il punto più debole del gioco e’ il crafting: per ogni lavoro di creazione ne corrispondono due di raccolta. Il problema, anche se non ho guardato molto questo aspetto, è che, se da un lato le professioni di creazione sono poche (alchimista, armaiolo, armature pesanti, armature leggere. E basta), dall’altro portarle avanti richiede tempo, molto tempo. C’è anche da dire che io avevo scelto forse l’unica professione che, per quello che ho sperimentato (molto poco), non ha benedici dal rifting: alchimia. Magari facendo salire di livello la skill si potranno creare pozioni per la cui creazione servono elementi tratti dai Rift, ma non ho avuto tempo e modo per portar su più di tanto questa skill.
Interessante il sistema di “ritorno in vita” in caso di morte. Si hanno due… tre opzioni, ma una ha un cooldown di, se non ricordo male, un’ora:
1) Soul walk (cooldown): si vaga finché non si ritorna in vita. Da fare in zone scevre di mob/nemici.
2) Resurrection graveyard: si parla con un angelo, ci porta in vita, si perde un botto di HP, si va dal curatore (healer), si paga una bella cifretta (il danaro, se si sta attenti e non si muore troppo spesso, non e’ un problema) e si torna al massimo. Ogni morte fa aumentare il totale di HP tolti dopo la “resurrezione”
3) Resurrection Tombstone: si va dal Graveyard fino alla tomba, appare un pop-up con scritto “Resurrect” e il bottone ok. Se lo si schiaccia si viene riportati in vita perdendo “solo” il 10% di HP per volta. E’ il metodo migliore, se la tomba e’ in un luogo per nulla pericoloso.
Ci sarebbe una quarta possibilità, ma e’ talmente ovvia che non la cito neppure.
Il quest system e’ molto guidato, e ci porta, progressivamente, dall’area in cui ci troviamo fino a una nuova. In questa maniera, passando di punto in punto, gireremo tutto il mondo di gioco. E’ un sistema di quest come un altro: sicuramente non innovativo (l’avevo visto, molto simile, in Warhammer Online) e personalmente non mi piace. Quantomeno e’  lineare e non caotico come La Contea di LOTRO. Altro problema e’ la poca varietà di mob: cambia il nome, ma molti sono uno uguale all’altro. Inoltre le aree di questing sono, spesso, le stesse per molte, troppe, quest. E non date tutte assieme. Quantomeno non sempre.
Particolare e’ il sistema di binding: in ogni mappa c’è una città di una certa rilevanza, nella quale c’è un portale. Presso il portale c’è un NPC che, dietro pagamento di N monete d’oro (non sempre il costo e’ lo stesso) ci permette di “bindarci” li. Poi, se dobbiamo recarci altrove nella stessa mappa, prendiamo la nostra fida cavalcatura e ci andiamo. Per poterci bindare dobbiamo prima acquisire, completando una quest, una certa skill.  Il passaggio tra una città e l’altra (prima bisogna trovarle) avviene tramite i portali, a un prezzo fisso, in beta, di 1,5 gold.
Tra gli aspetti minori, mancano del tutto sia la variazione di tempo cronologico (giorno e notte) che di tempo atmosferico.
Purtroppo per molti e’ finita solo la beta, purtroppo per me, quantomeno per il prossimo mese (e forse fino a settembre, ma non si sa mai) e’ finita la possibilità di giocarci oltre: non mi ricordavo che devo pagare un botto in polizze assicurative (mezzi e vita). Dannazione… vabbé, magari mi rifaccio più avanti. E peccato non aver fatto screenshots.
E’ un buon gioco? Si, dannazione, si!
E’ un capolavoro? No, per nulla: WoW, LOTRO, EQ2 (eccetera) sono molto sopra
E’ divertente? Opinione personale: si, moltissimo.
Ha momenti che ti fanno incazzare o, al contrario, annoiare? Decisamente.
E’ perfettibile e migliorabile? Tutto lo e’, Rift molto più di altri MMO che ho provato in beta.
Pro e contro? Mmhhhh… tra i pro il Public Group (che si presenta sia nei contenuti dinamici che nei Warfront, anche se questi ultimi sono da fare “di gilda”, magari usando programmi come TeamSpeak). Contro? Item-based (vabbé, ormai lo sono tutti, purtroppo), il respawn dei mob assolutamente casuale (lo ammazzi e riappare subito, lo ammazzi e ci puoi organizzare un pic-nic) e, soprattutto, con i mob che aggrano subito. In questo l’aspetto divertente e’ che ti attaccano anche i mob aggro che hanno svariati livelli in meno rispetto a te. Lo trovo coerente con la definizione di “mob aggro”, ma anche con quella di “mob suicida”.
Avrà un lungo tempo di gioco? Bella domanda. Se si intende “arrivare al level cap” no, per nulla: io ci sono andato vicino con un personaggio, ed ho pure svariati alt sparsi per i server (che verranno cancellati da Trion). Se si parla di end game: e’ una domanda che, ora come ora, non ha senso: chi ha visto l’end game di Rift? Io no di certo.
Giocateci, divertitevi, e tenete presente che il MMO perfetto non esiste e mai esisterà.
(finito, spero di non essermi dimenticato nulla. Prossimamente una breve disamina degli archetipi e delle classi che si incontrano in giro per Telara)

Up ↑
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: