Esiste un sito che

se si vuole creare un nuovo videogioco (o un fumetto, o un vestito, oppure quello che vi frulla per la testa tra le sue categorie) e non si trova un investitore tradizionale disposto a metterci i soldi, ci si può rivolgere.

Non sempre si avrà successo, ma quelli che ce la fanno, che sono tantissimi, potranno coronare il loro sogno.

Il sito si chiama Kickstarter, è la classica bella idea statunitense (da noi non si può muovere foglia se non lo vogliono ABC), e li ci sono alcuni casi curiosi.

Il prossimo Carmageddon, gioco che all’uscita fu aspramente criticato da certa stampa italiota con le bende sugli occhi e il suggeritore nell’orecchio per la sua violenza, potrebbe vedere la luce grazie a donazioni volontarie. Grim Dawn, un action CRPG a mondo aperto, ha già superato la quota richiesta.

Ma i dati più clamorosi riguardano tre giochi in particolare (più uno che….):

1) Double Fine Adventure: gioco punta e clicca creato da Tim Schafer (Day of the Tentacle, Full Throttle, Grim Fandango): chiede 400.000 dollari e ne ottiene oltre 3 milioni

2) Wasterland 2: il seguito del famoso CRPG da cui è poi nata la serie Fallout, creato dalla inXile entertainment di Brian Fargo (Bard’s Tale, Fallout 1 and 2, Stonekeep, Dragon Wars, Baldur’s Gate, Icewind Dale, ed altri): chiedono 900.000 dollari e ne ottengono poco meno di tre milioni.

3) Shadowrun Returns: Harebrained Schemes LLC chiede 400.000 dollari e ne ottiene 1 milione e 800.000 e rotti.

4) il prossimo Leisure Suit Larry: l’omino più sporcaccione del mondo chiede poco più di mezzo milione e ne ottiene 655.000 dollari.

Eccetera, eccetera, eccetera.

E se si cercasse di creare DAoC 2 tramite questo sito? Mumble…

Aggiornamento

Questa notte si è spenta, a soli 63 anni, una delle regine incontrastate della disco music: addio Donna Summer.
Per ricordarla due brani:
1) Macarthur Park ( la versione lunga è migliore)

2) Mimi’s Song:

Ti potrebbero interessare anche:

  • Arcalimon

    Sarebbe molto bello.. peccato che di programmazione so una sega io sennò ci pensavo seriamente…