Dal diario di Folly la bricconcella

Caro diario, oggi è il secondo giorno qui, nella maestosa città di Neverwinter.
Prima il sergente mi ha mandato da un caporale (andiamo bene, qui invece che salire di grado vado indietro), che mi ha spedito al mercato a fare compere.
E che, sono forse la sua serva? Che ci vada al mercato, e poi per pochi pezzi di bronzo.
Ma meglio una gallina oggi che un uovo domani, no?
O forse era il contrario?
Sapete, noi mezzedonne non siamo brave con i detti, le parabole, “parole opere ed omissioni” e tutto quel genere di cose li.
No, noi facciamo cantare pugnali e spadini, più che le parole.
La nostra è una sinfonia di morte: per quelli che hanno la sventura di frapporsi tra noi e l’avventura.
Adesso ti faccio vedere una cosa:

screenshot_2013-05-02-18-49-34

E’ un quadro che ho fatto della enclave del Protettore, e il palazzo che vedi svettare è la Sala di Giustizia, giusto poco prima di partire per un’altra missione in un dungeon.

screenshot_2013-05-02-19-07-02

Non male i ricchi premi e cotillons finali, ma questa missione è stata, invero, un pelo facile. Non c’è gusto ad affrontare avversari che muoiono appena li guardi.
E, si, anche il capo dei nemici è stato una totale delusione, il più facile incontrato finora. O forse dipende dal fatto che io, oltre ad esser dannatamente affascinante, sono anche decisamente brava?
Ora sono arrivata al Distretto del Lago Nero, dove ci sono molte missioni e molti, molti nemici.
Le prime che ho affrontato mi hanno quasi ridotta in fin di vita, dovrò cercare di stare più attenta perché qui letteralmente pullula di non morti.
Ma ora, caro diario, ti lascio che devo andare a bere al bar con degli amici.
Alla prossima occasione.
Post scriptum: come si giocava bene oggi, niente lag. Una festa per (non solo) gli occhi. L’unica rottura, a parte quella dei boccali di birra in peltro, è data dalla patch del giorno.
HIC

screenshot_2013-05-03-13-35-45

Terzo giorno, e me ne sono capitate di tutti i colori.
Prima ho dovuto ripulire le fogne del Distretto, poi sono stata coinvolta in due risse da bar.
E mentre la prima è stata colpa mia, la seconda… sgroan, una faticaccia!
Mi invitano a bere gratis e scopro che dietro la pinta di birra a prezzo nullo c’era il trucco: pirati nel locale!
E non pirati qualsiasi, si trattava di mutanti (SIC), troll, ogre e robe del genere.
Figurati che è stata così dura che sono morta due volte.
E quando serve mai che ci sia un chierico o un dannato, fottuto padellino (paladino) in giro!

screenshot_2013-05-03-13-53-54

Non male questa bettola

screenshot_2013-05-03-13-54-34

Chiare, fresche, dolci pinte di birra

screenshot_2013-05-03-13-46-51

Baila, baila, baila


Poi, giusto prima di coricarmi per la notte, ho aiutato un elfo, o forse solo a metà.
Per essere un elfo, forse a metà, era ben pauroso e scansafatiche.
Prima mi ha incaricato di cercare un corriere ed interrogarlo, e poi di liberare casa sua da presenze maligne.
A parte che se dai le chiavi di casa a un mezz’uomo, mezza donna nel mio caso, è duro che tu ci riesca a trovare anche solo un granello di polveri: ti porto via tutto!
Ma ti conosco mascherina, e sono stata al tuo gioco: alla fin fine hai voluto solo benedire, o chissà quale altro incantesimo, non sono pratica, borseggio a parte, la zona del lago del Distretto. E l’hai voluto fare di notte.
Siete strani voi elfi, interi o a metà che sia.
Beh, buonanotte e sogni d’oro
YAWN
Pssst, tu, una cosa all’orecchio prima che mi cadano le palpebre: uno mi ha parlato di una città della Costa della Spada, una certa Baldur’s Gate. Ne sai nulla?