In morte del Movimento 5 Stelle

(o, comunque, lenta agonia) Il Movimento 5 Stelle è morto, imploso su se stesso, suicida con eutanasia politica. Il tutto ebbe inizio con la consultazione online se andare o no alla consultazione con Renzi. Beppe non voleva andarci, la maggioranza degli attivisti lo costrinse ad…

Big ben ha detto stop

La vita è fatta di decisioni. Poi, ça va sans dire, ci torni su e ci ripensi, e cambiare idea non è solo normale: è umano. Perché, citando Lowell, solo i morti (e mi gratto) e gli stupidi non cambiano mai idea. Però è probabile…

The lamb lies down on Sant’Ilario

Beppe Grillo è caduto vittima, per l’ennesima volta, della totale contraddizione che governa Internet: dalle stelle alle stalle e, se capita, ritorno. Che è successo? Semplice: il sito (ora oscurato) grillo-leaks.com aveva iniziato a pubblicare una serie di files audio che riguardavano l’incontro, svoltosi a…

Sporcarsi le mani

Perché sporcarsi le mani lavorando è il miglior modo per essere onesti. O di quel che non è ma avrebbe potuto essere: un’Italia migliore.

L’antica arte di mettere i puntini sulle i

Dopo la scelta, limitata, sull’apparentamento e la scelta dell’eurogruppo di cui avrebbe dovuto far parte il MoVimento 5 Stelle, decisi di “disiscrivermi” dal M5S. E, no, non ho cambiato idea. Trovo la scelta di Farage e del suo UKIP un suicidio internazionale, di cui si…

Hanno vinto loro

Voler cambiare il mondo prima che il mondo cambi me. Bel sogno, ma anche molto utopico, vero? E mentre tu ti fai il culo, lotti per gli altri, perché si sia tutti uguali in diritti e doveri, loro che fanno? Sostanzialmente se ne fregano. Votano…

Cambio tutto

A Beppe Grillo non piace perdere o, se volete, gli piace vincere facile. Due macroesempi: 1) quando zittì i rappresentanti del M5S sul reato d’immigrazione clandestina, perché non era stato oggetto del programma e che se fossero stati favorevoli avrebbero preso percentuali da prefisso telefonico….

Deriva autoritaria

L’apparentamento (non perfezionato e, a mio avviso, non perfezionabile) con lo xenofobo e omofobico UKIP di Nigel Farage, ha scatenato i peggio fascismi all’interno di quello che doveva essere il primo movimento post-ideologico, basato solamente sulle idee: E’ vero che potrebbero essere dei provocatori o…

Farage? No, thanks

Il MoVimento è attraversato da una scossa. Da un lato la bedeota Roberta Lombardi che, se Beppe glielo ordinasse, si butterebbe leggiadra e felice giù dalla Tarpea, e da un’interpretazione riduttiva e semplicistica del significato di una possibile alleanza con UKIP e i gruppi che…

Un bagno d’umiltà

ogni tanto occorrerebbe farlo, senza sparare ad alzo zero sui pensionati, senza urlarci addosso che il PD è “CaTiVo” (lo so da me, io del PD non mi fido), che RenSi è un contaballe (ma vah? Prossimamente la scoperta dell’acqua calda?), però di certi problemi,…